Set 23, 2018
317 Views

Di Maio: “Berlusconi apocalittico sul decreto Dignità. Me lo segno. Il capo di Mediaset cerca visibilità: è ridicolo”

Written by

“E’ ridicolo e va compatito”. Poco dopo il comizio di Silvio Berlusconi da Fiuggi in cui ha nuovamente attaccato i 5 stelle, il vicepremier Luigi Di Maio ha replicato con un post su Facebook. “Oggi Berlusconi apocalittico”, ha scritto. “‘Il decreto Dignità è un disastro e con la manovra l’Italia rischia grosso’. Sì sì… mo me lo segno (cit. Massimo Troisi). Il capo di Mediaset politicamente ha fatto il suo tempo, oltre ad aver fatto solo danni. La sua preoccupazione oggi come negli ultimi 20 anni non è per l’Italia, ma solo per le sue tv! Il suo tentativo di cercare ancora visibilità è ridicolo e va compatito”. L’ex Cavaliere, nel corso del suo comizio, ha detto: “Questo governo e soprattutto i 5 stelle, sono nemici della libertà. Leggiamo annunci che attaccano la libertà dei cittadini”. E ha anche parlato della proposta sui tetti pubblicitari: “Hanno annunciato misure sui tetti pubblicitari che farebbero chiudere Mediaset il giorno dopo”. Berlusconi ha quindi controreplicato a Di Maio:..

Pubblicità

“E’ ridicolo e va compatito”. Poco dopo il comizio di Silvio Berlusconi da Fiuggi in cui ha nuovamente attaccato i 5 stelle, il vicepremier Luigi Di Maio ha replicato con un post su Facebook. “Oggi Berlusconi apocalittico”, ha scritto. “‘Il decreto Dignità è un disastro e con la manovra l’Italia rischia grosso’. Sì sì… mo me lo segno (cit. Massimo Troisi). Il capo di Mediaset politicamente ha fatto il suo tempo, oltre ad aver fatto solo danni. La sua preoccupazione oggi come negli ultimi 20 anni non è per l’Italia, ma solo per le sue tv! Il suo tentativo di cercare ancora visibilità è ridicolo e va compatito”. L’ex Cavaliere, nel corso del suo comizio, ha detto: “Questo governo e soprattutto i 5 stelle, sono nemici della libertà. Leggiamo annunci che attaccano la libertà dei cittadini”. E ha anche parlato della proposta sui tetti pubblicitari: “Hanno annunciato misure sui tetti pubblicitari che farebbero chiudere Mediaset il giorno dopo”. Berlusconi ha quindi controreplicato a Di Maio: “E’ meglio che si rivolga al portavoce Casalino…”.

Intanto sul Blog delle Stelle è stato pubblicato un post in replica all’editoriale di Alessandro Sallusti pubblicato oggi su il Giornale che, parlando del caso dell’audio di Rocco Casalino, rievoca la mafia e Totò Riina. “I principali giornali della propaganda del partito del nazareno, La Repubblica per il Pd e Il Giornale per Forza Italia”, si legge, “oggi difendono a spada tratta quei burocrati servitori dei partiti piazzati in alcuni dei gangli fondamentali dello Stato e che ogni giorno ostacolano il governo del cambiamento e la realizzazione del contratto di Governo. Un governo che è sostenuto da circa due terzi degli italiani, un sostegno popolare che non ha eguali in nessun altro Paese d’Europa”. Quindi contro Sallusti: “Addirittura nel suo editoriale di oggi paragona il Movimento 5 stelle alla mafia e la nostra battaglia per far rispettare il contratto di governo alla stregua della trattativa”. E si conclude: “Paragonare una forza politica votata dal 32% dei cittadini alla mafia non è giornalismo, non è nemmeno solo bieca propaganda. È uno schifo indegno. Vuol dire non sapere nulla di cosa sia la mafia e i morti e il dolore che ha provocato e continua a provocare. E vuol dire non avere la benché minima cultura politica”.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy