Ago 26, 2018
206 Views
0 0

Usa, sparatoria a Jacksonville: almeno 4 vittime e 11 feriti. Polizia: “Morto un sospetto aggressore”

Written by

Sono almeno quattro i morti e undici i feriti nella sparatoria ad una gara di videogames a Jacksonville, in Florida. L’aggressione è avvenuta durante le qualificazioni all’interno di un torneo di Madden 19, il videogioco dedicato al football NFL, in corso nel GLHF Game Bar del centro commerciale all’aperto di Jacksonville Landing nel centro della città, lungo il fiume St. Johns. Secondo quanto racconta un testimone al Los Angeles Times l’aggressore sarebbe uno dei partecipanti al torneo.
L’ufficio dello sceriffo invita in un tweet a stare lontano dall’area che ”al momento non è sicura”. E sempre via social afferma che un sospettato è morto. Steven “Stevevj” Javaruski, uno dei concorrenti, ha detto al Los Angeles Times che l’aggressore è uno dei concorrenti al torneo. Secondo la sua ricostruzione, dopo aver perso ha “preso di mira” alcune persone si è tolto la vita. L’ipotesi su quanto accaduto è quella di un partecipante che – dopo aver perso il torneo di videogame – per rabbia ha com..

Ypsilon Black

Sono almeno quattro i morti e undici i feriti nella sparatoria ad una gara di videogames a Jacksonville, in Florida. L’aggressione è avvenuta durante le qualificazioni all’interno di un torneo di Madden 19, il videogioco dedicato al football NFL, in corso nel GLHF Game Bar del centro commerciale all’aperto di Jacksonville Landing nel centro della città, lungo il fiume St. Johns. Secondo quanto racconta un testimone al Los Angeles Times l’aggressore sarebbe uno dei partecipanti al torneo.

L’ufficio dello sceriffo invita in un tweet a stare lontano dall’area che ”al momento non è sicura”. E sempre via social afferma che un sospettato è morto. Steven “Stevevj” Javaruski, uno dei concorrenti, ha detto al Los Angeles Times che l’aggressore è uno dei concorrenti al torneo. Secondo la sua ricostruzione, dopo aver perso ha “preso di mira” alcune persone si è tolto la vita. L’ipotesi su quanto accaduto è quella di un partecipante che – dopo aver perso il torneo di videogame – per rabbia ha compiuto la strage.

Multiple fatalities at the scene, many transported. #TheLandingMassShooting https://t.co/qBJvkaO7xT

— Jax Sheriff’s Office (@JSOPIO) 26 agosto 2018

Secondo i media locali, le vittime ferite sono state portate al Memorial Hospital e all’UF Health Hospital. Diverse ambulanze, pompieri e agenti di polizia sono intervenute sulla scena e le strade circostanti sono state chiuse.

Secondo l’account Twitter di CompLexity Gaming, un partecipante di Madden è stato sfiorato ad una mano, ma è riuscito a mettersi in salvo. “Sono fortunato. Il proiettile ha colpito il mio pollice. Il peggior giorno della mia vità”, ha twittato il diretto interessato, Drini Gjoka, che ha vinto la scorsa edizione del Madden Challenge. Nel video dello streaming dell’evento di videogiochi, subito rimosso dal web, si udivano gli spari poi le urla e una voce che esclama: “Con cosa mi hai sparato?”

I am literally so lucky. The bullet hit my thumb

— Drini Gjoka (@YoungDrini) 26 agosto 2018

Un testimone, Malik Brunson, era in un ristorante nelle vicinanze quando è avvenuta la sparatoria. Ha detto di aver sentito i colpi e subito dopo “ci hanno rinchiusi nel ristorante”. In tanti, uditi gli spari, hanno trovato dei luoghi sicuri in cui ripararsi all’interno del centro commerciale, in attesa dell’intervento della polizia.

Fonte articolo

Article Tags:
Article Categories:
PHM
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy