Circosta Auto
Ago 17, 2018
115 Views
0 0

Terremoto Molise, decine di scosse nella notte. Chiuso per precauzione il Viadotto del Liscione

Written by

Ancora scosse in Molise, dove il 16 agosto alle 20.19 la terra è tornata a tremare a Montecilfone (Campobasso). In via precauzionale è stato chiuso il viadotto del Liscione e un tratto della strada statale 647 “Fondo Valle del Biferno” per consentire la verifica delle infrastrutture. Scosse continue sono state registrate durante la notte anche se più lievi per intensità. Migliaia di persone hanno dormito in strada: tende, soccorsi e beni di prima necessità stanno arrivando in queste ore a Montecilfone, l’epicentro dove si era registrato un altro sisma solo due giorni fa.
Questa notte, delle scosse registrate solo una è stata di magnitudo 3.1 (al’1.02 con epicentro a 5 km da Montecilfone), mentre tutte le altre hanno avuto una magnitudo inferiore a 2.5. L’ultima è stata registrata in mattinata alle 7.07 con magnitudo 2.5 a 6 km da Montecilfone (CB) e a una profondità di 10 km. E sempre questa mattina la terra ha tremato anche nelle Marche. Una scossa di magnitudo 2.6 è stata registrata..

Ancora scosse in Molise, dove il 16 agosto alle 20.19 la terra è tornata a tremare a Montecilfone (Campobasso). In via precauzionale è stato chiuso il viadotto del Liscione e un tratto della strada statale 647 “Fondo Valle del Biferno” per consentire la verifica delle infrastrutture. Scosse continue sono state registrate durante la notte anche se più lievi per intensità. Migliaia di persone hanno dormito in strada: tende, soccorsi e beni di prima necessità stanno arrivando in queste ore a Montecilfone, l’epicentro dove si era registrato un altro sisma solo due giorni fa.

Questa notte, delle scosse registrate solo una è stata di magnitudo 3.1 (al’1.02 con epicentro a 5 km da Montecilfone), mentre tutte le altre hanno avuto una magnitudo inferiore a 2.5. L’ultima è stata registrata in mattinata alle 7.07 con magnitudo 2.5 a 6 km da Montecilfone (CB) e a una profondità di 10 km. E sempre questa mattina la terra ha tremato anche nelle Marche. Una scossa di magnitudo 2.6 è stata registrata alle 6.12 sulla Costa Marchigiana Anconetana (Ancona). Il sisma è stato localizzato dall’Ingv ad una profondità di 8 km, con epicentro a 9 km da Ancona.

Le scosse più forti, di ieri, sono state chiaramente avvertite a Roma, Napoli, Bari, Pescara. Dal Lazio alla Puglia, passando per Campania, Marche e Abruzzo. Ma il sindaco di Montecilfone Franco Pallotta ha cercato di rassicurare la popolazione: “La gente si è impaurita ed è scesa in strada ma non ci sono segnalazioni di danni alle persone. Qualche muro vecchio è crollato, ma era già danneggiato”. Rassicurano anche i vigili del fuoco, a cui non sono arrivate richieste di soccorso: le squadre uscite in ricognizione hanno riscontrato per ora solo la caduta di alcuni cornicioni. Anche la protezione civile del Molise non ha notizie di danni. Intanto sono in corso le verifiche con i sindaci di una ventina di comuni coinvolti. Sul posto il personale già impegnato per le verifiche della scossa che ha colpito la stessa zona nella notte tra il 14 e il 15 agosto

Il governatore del Molise Donato Toma ha fatto sapere che al momento non ci sono notizie di “danni importanti” ad edifici o persone. Piccoli crolli di vecchie abitazioni, crepe nelle case, tegole cadute, lampioni a terra e il crollo di un muro in una masseria: questa è la situazione registrata in vari paesi del Basso Molise. Mentre i vigili del Fuoco informano che non sono pervenute richieste di soccorso in regione. Tanta paura tra i molisani nella zona a ridosso del litorale, in molti si sono riversati sulle strade per paura di crolli. Lievi danni alle case si sono registrati nel paese di Palata (Campobasso), dove secondo una prima ricognizione ci sono crepe nei muri e danni interni alle abitazioni. Tanta paura anche a Campomarino (Campobasso), dove in tanti sono scesi in strada. La scossa di terremoto è stata avvertita distintamente e ci sono stati anche dei malori.

L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha parlato di dinamica simile a quella del terremoto del 2002 che ha interessato la regione molisana. A San Giuliano di Puglia le scosse fecero crollare una la scuola elementare uccidendo 30 persone di cui 27 bambini. Per il presidente dell’Istituto Carlo Doglioni, però è “sicuramente di una faglia diversa”. Stando alle prime stime, si è mobilitata un’area di circa 10 chilometri quadrati. La zona colpita oggi si trova infatti 20 chilometri a Nord rispetto a San Giuliano di Puglia. La dinamica è simile, ha spiegato, perché “si tratta di un fascio di faglie orientato in direzione Est-Ovest con un movimento di tipo trascorrente”, nel quale la crosta terrestre si muove in modo orizzontale. E’ una dinamica diversa rispetto a quella del terremoto di Amatrice, dove il movimento della crosta terrestre è di tipo estensionale. Dopo l’evento sismico delle 20.19 di magnitudo 5.2 a Montecilfone, in provincia di Campobasso, l’Ingv ha registrato dieci repliche più lievi nella zona.

Vari i messaggi di solidarietà tra gli utenti di Twitter: “Sentire di nuovo la terra tremare, dopo mesi in cui non ho dormito per le continue scosse nelle Marche, è quanto di più brutto possa capitare. Molise siamo con voi #terremoto”. “Apprendo del #terremoto in Molise e la mente vola subito a quel 24 agosto 2016, ad Amatrice, al centro Italia, alle mie Marche, a noi che quella notte avevamo negli occhi la paura”. “00:00 Che non succeda niente alla mia famiglia, a me, che non venga il terremoto qui da noi, che non succeda niente alle persone di Napoli, del Molise, dell’Abruzzo. #terremoto”.

L'articolo Terremoto Molise, decine di scosse nella notte. Chiuso per precauzione il Viadotto del Liscione proviene da Il Fatto Quotidiano.

Fonte articolo

Article Tags:
· · ·
Article Categories:
Il fatto quotidiano
×

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy