Ago 30, 2018
167 Views
0 0

Siria, Damasco pronta all’offensiva finale: “A Idlib fino in fondo contro i terroristi”. Russia: “Occidente non giochi col fuoco”

Written by

A Damasco manca solo l’ordine del palazzo presidenziale. Il via all’operazione per liberare Idlib e la sua provincia, nel nord ovest della Siria, dalle ultime sacche di resistenza dei ribelli è questione di giorni, se non di ore. Le truppe governative siriane andranno “fino in fondo“, ha spiegato Walid Muallem, ministro degli Esteri di Damasco, dopo aver incontrato a Mosca il suo omologo russo Serghiei Lavrov. Le truppe siriane, ha proseguito il capo della diplomazia di Bashar Al Assad, hanno come obiettivo principale i miliziani di Al Nusra, non dispongono di armi chimiche e non le useranno. “Non ne abbiamo bisogno – ha detto il ministro siriano – perché otteniamo vittorie sui campi di battaglia”.
Muallem risponde ai timori avanzati negli ultimi giorni da Stati Uniti e Onu sul possibile utilizzo di armi chimiche da parte del governo siriano. Oggi dalle Nazioni Unite è arrivato un appello a Russia, Turchia e Iran – i “Paesi garanti del processo di Astana”, ha specificato l’inviato Onu..

Ypsilon Black

A Damasco manca solo l’ordine del palazzo presidenziale. Il via all’operazione per liberare Idlib e la sua provincia, nel nord ovest della Siria, dalle ultime sacche di resistenza dei ribelli è questione di giorni, se non di ore. Le truppe governative siriane andranno “fino in fondo“, ha spiegato Walid Muallem, ministro degli Esteri di Damasco, dopo aver incontrato a Mosca il suo omologo russo Serghiei Lavrov. Le truppe siriane, ha proseguito il capo della diplomazia di Bashar Al Assad, hanno come obiettivo principale i miliziani di Al Nusra, non dispongono di armi chimiche e non le useranno. “Non ne abbiamo bisogno – ha detto il ministro siriano – perché otteniamo vittorie sui campi di battaglia”.

Muallem risponde ai timori avanzati negli ultimi giorni da Stati Uniti e Onu sul possibile utilizzo di armi chimiche da parte del governo siriano. Oggi dalle Nazioni Unite è arrivato un appello a Russia, Turchia e Iran – i “Paesi garanti del processo di Astana”, ha specificato l’inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura – affinché lavorino per evitare una battaglia devastante, che potrebbe avere gravi conseguenze per i civili anche per il rischio di uso di armi chimiche. “Consapevoli degli impegni e dei colloqui in corso per evitare il peggior scenario non possiamo ignorare la possibilità di errori di calcolo – ha incalzato de Mistura – La questione di evitare il possibile uso di armi chimiche è davvero cruciale e sarebbe assolutamente inaccettabile“.

Mosca resta saldamente al fianco dell’alleato siriano, confermando il ruolo determinante avuto nell’andamento della guerra. Il ministero della Difesa ha riferito oggi che “esercitazioni su larga scala delle forze navali e aerospaziali russe si svolgeranno dall’1 all’8 settembre nel Mar Mediterraneo sotto il comando del capo di Stato maggiore della Marina, ammiraglio Vladimir Koroliov“, con un dispiegamento di “25 navi da guerra e battelli di supporto guidati dall’incrociatore missilistico Maresciallo Ustinov“. Mosca fa inoltre sapere che “nello spazio aereo internazionale, attività di addestramento saranno messe in atto con circa 30 caccia, tra cui i bombardieri strategici missilistici Tu-160, gli aerei antisommergibili Tu-142 Mk e Il-38, i caccia Su-33 e Su-30Sm dell’aviazione marina”.

La provincia di Idlib è “un focolaio di terroristi” che “non può portare a nulla di buono se continua questa mancanza di azione“, ha affermato il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se ci fosse una correlazione tra le esercitazioni navali e la situazione a Idlib. “La situazione in Siria – ha affermato Peskov – ha un notevole potenziale di peggioramento” e prendere precauzioni è “giustificato”.

Chiarissimo il messaggio di Lavrov: “I nostri ministeri della Difesa e degli Esteri hanno presentato dei fatti per inviare alle nostre controparti occidentali un chiaro e forte avvertimento a non giocare col fuoco” in Siria, ha detto il ministro degli Esteri russo dopo l’incontro con Muallem. “Non è un segreto – ha affermato Lavrov – che non tutti sono soddisfatti dei progressi nel cercare una soluzione alla questione siriana, nella lotta al terrorismo e nella creazione delle condizioni per il ritorno dei profughi. Vengono compiuti dei tentativi per impedire questi processi e usare vari provocatori, compresi gli estremisti e i ben noti provocatori che si definiscono Caschi Bianchi, che sono famigerati per inscenare attacchi chimici e incolparne il governo siriano in modo da fornire ai Paesi occidentali un pretesto per condurre attacchi in Siria”. Muallem stesso ha accusato l’organizzazione umanitaria di aver rapito 44 bambini per inscenare attacchi chimici ad Idlib e incolparne il governo di Assad.

Il capo della diplomazia di Mosca ha quindi ribadito che “viene preparata un’altra provocazione per ostacolare un’operazione antiterrorismo a Idlib”, ultimo bastione dei ribelli siriani. Secondo Sputnik News, braccio mediatico del Cremlino in Occidente, citando diverse fonti indipendenti dalla provincia riporta che rappresentanti dei Caschi Bianchi avrebbero consegnato un grosso carico di sostanze velenose ai guerriglieri di Ahrar al-Sham.

“Invitiamo tutti – ha proseguito il ministro – compresi gli Stati arabi, l’Europa e gli Usa, a concentrarsi per garantire che la Siria sia un Paese pacifico e stabile. La stabilità della Siria è particolarmente importante per garantire la sicurezza e la prosperità di tutto il Medio Oriente e del Nord Africa”. Lavrov ha poi affermato che eventuali “azioni unilaterali” americane sarebbero “una strada che non conduce da nessuna parte”. “La situazione creatasi dopo l’invasione dell’Iraq e l’aggressione contro la Libia – ha concluso – dovrebbe aver insegnato qualcosa a tutti noi”.

(nella foto miliziani di Hayat Tahrir al-Sham o “Organizzazione per la liberazione del Levante”)

Fonte articolo

Article Tags:
· ·
Article Categories:
PHM
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy