Ago 31, 2018
187 Views

Disoccupazione, a luglio tasso giù al 10,4% e quella giovanile cala di un punto a 30,8%. Ma aumentano gli inattivi

Written by

Disoccupazione in calo, sia per i giovani sia se si guarda al tasso generale. Ma diminuiscono anche gli occupati. Questo perché, come risulta dalle stime Istat sul mese di luglio, aumentano gli inattivi, cioè le persone che hanno smesso di cercare un posto. L’istituto di statistica ha rilevato, nel dettaglio, che a luglio il tasso di disoccupazione generale è sceso al 10,4%, con un calo di 0,4 punti percentuali rispetto a giugno, tornando ai livelli di marzo 2012, e quello relativo ai giovani si è ridotto di un punto, al 30,8%, che è il minimo da ottobre 2011
Gli occupati però sono diminuiti dello 0,1%, pari a 28mila unità, rispetto a giugno, mese in cui si era già registrato un calo di 41.000 unità. Il calo è interamente legato alla componente femminile e si concentra tra le persone di 15-49 anni. In flessione i dipendenti permanenti (-44mila), mentre crescono lavoratori a termine e indipendenti (+8mila in entrambi i casi). Malgrado il calo di giugno e luglio, comunque, nel trimestre..

Disoccupazione in calo, sia per i giovani sia se si guarda al tasso generale. Ma diminuiscono anche gli occupati. Questo perché, come risulta dalle stime Istat sul mese di luglio, aumentano gli inattivi, cioè le persone che hanno smesso di cercare un posto. L’istituto di statistica ha rilevato, nel dettaglio, che a luglio il tasso di disoccupazione generale è sceso al 10,4%, con un calo di 0,4 punti percentuali rispetto a giugno, tornando ai livelli di marzo 2012, e quello relativo ai giovani si è ridotto di un punto, al 30,8%, che è il minimo da ottobre 2011

Gli occupati però sono diminuiti dello 0,1%, pari a 28mila unità, rispetto a giugno, mese in cui si era già registrato un calo di 41.000 unità. Il calo è interamente legato alla componente femminile e si concentra tra le persone di 15-49 anni. In flessione i dipendenti permanenti (-44mila), mentre crescono lavoratori a termine e indipendenti (+8mila in entrambi i casi). Malgrado il calo di giugno e luglio, comunque, nel trimestre maggio-luglio gli occupati sono aumentati di 151mila unità (+0,7%). A luglio il tasso di occupazione è al 58,7%.

Dalle stime Istat risulta poi che gli inattivi sono cresciuti dello 0,7% (pari a 89mila unità in più) rispetto a giugno. L’aumento coinvolge le donne (+73mila) e gli uomini (+16mila) e si distribuisce tra i 15-49enni. Il tasso di inattività sale così al 34,3%, +0,3 punti percentuali. Su base annua, sottolinea tuttavia l’Istat, “continua il calo dell’inattività che risulta di poco superiore al minimo storico raggiunto a giugno”.

Sempre su base annua, a luglio l’occupazione risulta cresciuta dell’1,2%, pari a 277 mila unità in più. L’espansione interessa uomini e donne e si concentra tra i lavoratori a termine (+336mila). In ripresa anche gli indipendenti (+63mila), mentre calano in misura rilevante, di 122mila unità, i dipendenti permanenti. Crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+381mila) e i 15-34enni (+42mila). Al contrario calano di 146mila quelli nella fascia intermedia, tra i 35 e i 49 anni.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy