Ago 30, 2018
268 Views

Annuncio razzista sul treno, la dipendente Trenord torna in servizio. “Non sarà licenziata”

Written by

È rientrata al lavoro e con ogni probabilità non verrà licenziata. La capotreno del Milano-Mantova che lo scorso 7 agosto diffuse un messaggio negli altoparlanti contro gli zingari, come anticipato dal Corriere della Sera, rischia al massimo una sanzione. Il suo ritorno sui convogli è stato festeggiato dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, con un tweet: “Buon lavoro brava capotreno, non sei sola“.
La donna era finita al centro delle polemiche per aver detto durante il tragitto: “I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E agli zingari: scendete alla prossima fermata perché avete rotto i c…“. L’episodio era stato denunciato da un passeggero che si trovava a bordo del Regionale 2653 e aveva descritto l’accaduto sui social, finendo a sua volta nel mirino di numerosi commenti che criticavano il suo gesto.
Salvini si era già schierato a favore della capotreno: “Invece di preoccuparsi per le aggressioni a passeggeri, controllori e capitreno, qualcuno si preoccupa de..

È rientrata al lavoro e con ogni probabilità non verrà licenziata. La capotreno del Milano-Mantova che lo scorso 7 agosto diffuse un messaggio negli altoparlanti contro gli zingari, come anticipato dal Corriere della Sera, rischia al massimo una sanzione. Il suo ritorno sui convogli è stato festeggiato dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, con un tweet: “Buon lavoro brava capotreno, non sei sola“.

La donna era finita al centro delle polemiche per aver detto durante il tragitto: “I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E agli zingari: scendete alla prossima fermata perché avete rotto i c…“. L’episodio era stato denunciato da un passeggero che si trovava a bordo del Regionale 2653 e aveva descritto l’accaduto sui social, finendo a sua volta nel mirino di numerosi commenti che criticavano il suo gesto.

Salvini si era già schierato a favore della capotreno: “Invece di preoccuparsi per le aggressioni a passeggeri, controllori e capitreno, qualcuno si preoccupa dei messaggi contro i molestatori. Viaggiare sicuri è una priorità”. Poi quando la madre del ragazzo aveva scritto una lettera al presidente della Repubblica chiedendo il suo intervento per le minacce contro il figlio, il ministro aveva bollato la missiva come “pubblicità”.

Fonte articolo

Article Tags:
· · ·
Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.