Ago 20, 2018
344 Views
0 0

Al via Dancity 2018. I dettagli sul festival e i 5 migliori ristoranti in cui mangiare durante la tre giorni

Written by

L’appuntamento con l’edizione 2018 è alle porte. Dancity Festival, ovvero il noto festival internazionale di cultura e musica elettronica che negli anni si è conquistato un vero e proprio status di culto, si svolgerà come di consueto a Foligno, in Umbria, spostato giusto di un mese rispetto alla cadenza annuale che da sempre lo contraddistingue. Novità di quest’anno: si parte venerdì 24 agosto per una tre giorni che si concluderà domenica 26, con tutti i live a svolgersi all’auditorium San Domenico, ad eccezione della giornata di domenica che, come ormai da tradizione da un paio di anni a questa parte, saranno all’interno della splendida cornice della Cantina Arnaldo Caprai di Montefalco, giusto 15 minuti fuori dal centro storico. I protagonisti della line up sono tra i più raffinati e ricercati di sempre. Quest’anno non c’è il Serendipity e pertanto si è puntato maggiormente sull’esperienza live e su dj set immersivi e di qualità all’interno del Chiostro dell’Auditorium.
I Nu Guinea,..

Ypsilon Black

L’appuntamento con l’edizione 2018 è alle porte. Dancity Festival, ovvero il noto festival internazionale di cultura e musica elettronica che negli anni si è conquistato un vero e proprio status di culto, si svolgerà come di consueto a Foligno, in Umbria, spostato giusto di un mese rispetto alla cadenza annuale che da sempre lo contraddistingue. Novità di quest’anno: si parte venerdì 24 agosto per una tre giorni che si concluderà domenica 26, con tutti i live a svolgersi all’auditorium San Domenico, ad eccezione della giornata di domenica che, come ormai da tradizione da un paio di anni a questa parte, saranno all’interno della splendida cornice della Cantina Arnaldo Caprai di Montefalco, giusto 15 minuti fuori dal centro storico. I protagonisti della line up sono tra i più raffinati e ricercati di sempre. Quest’anno non c’è il Serendipity e pertanto si è puntato maggiormente sull’esperienza live e su dj set immersivi e di qualità all’interno del Chiostro dell’Auditorium.

I Nu Guinea, dopo il successo raccolto dall’album Nuova Napoli e dalla tournée che li ha visti protagonisti dei maggiori eventi live italiani, proporranno per la prima volta il loro live con full band (alle 21:00 di domenica), mentre quel mito vivente che è Moritz Von Oswald si presenterà con uno dei suoi vocalist più iconici, Tikiman, ovvero Paul St. Hilaire, che riutilizza questo alias dopo vari problemi legali. Oswald è uno che non ha certo bisogno di presentazioni, basti citare la sua paternità di label come Basic Channel, Chain Reaction, Rhythm & Sound, i vari Rounds ecc., tutti progetti condivisi con Mark Ernestus, che proprio lo scorso anno era ospite al festival. Suzanne Ciani è l’antesignana nell’utilizzo del synth Buchla, artista senza la quale non parleremmo oggi dei lavori di Alessandro Cortini e Caterina Barbieri. Le assolute star della Kosmische musik Tangerine Dream in esclusiva nazionale si commentano da soli. E sempre rimanendo all’interno di eccellenze tedesche, i ritmi percussivi e le sonorità elettroniche di Burnt Friedman, accompagnato da Mohammad Reza Mortazavi, esperto del Tombak persiano, meritano senz’altro un posto di rilievo tra i live più attesi del festival tutto. Tra i dj set, da menzionare ci sono almeno Total Request con il suo imbattibile mix tra jungle, techno, house e elettronica eminentemente UK, e il veneto Chevel, tra i nostri producer italiani più interessanti a livello internazionale (entrambi sabato sera).

Per il dettaglio completo sulla line up e la time table vi rimandiamo al sito ufficiale. Biglietti e abbonamenti nella sezione dedicata. Abbonamenti speciali per under 21, e full festival ticket a 50 euro. Di seguito la nostra guida al meglio dei ristoranti dove andare a colpo sicuro durante la tre giorni festivaliera.

  1. Molo Cinque propone una raffinata cucina di pesce a base di piatti cotti e crudi, accompagnata da eccellenti vini. Il locale si trova nella storica “via del pesce” di Foligno, in Via Gramsci. In passato passando per quella via si sentiva l’odore del pesce provenire dagli stand del mercato che la occupavano, oggi ritroviamo quei sapori all’interno delle mura di un ambiente elegante e raffinato, che mantiene un legame con la tradizione ma sa anche aprirsi alla contemporaneità.
  2. Maninpasta. E’ il ristorante di un giovane chef folignate che dopo varie esperienze ha deciso di mettere letteralmente le mani in pasta aprendo un proprio ristorante. Specialità? Cucina tipica, tradizionale, con una delle carbonare più buone di Foligno. Provare per credere.
  3. Via Gramsci. Il nome deriva proprio dal nome della via che ospita il ristorante. D’estate a disposizione ci sono anche i tavolini all’aperto, perfetti per una pausa durante la keremesse. Proposta? Piuttosto variegata, con una base di ottimi ingredienti tra primi e secondi. Non manca l’hamburger gourmet, la tagliata e il filetto, ma c’è spazio anche per i vegetariani. Ottima la pappa al pomodoro e l’hummus, ma la specialità è senz’altro carnivora, ovvero il galletto. D’inverno fanno persino il gulasch e la polenta, tutte specialità importate dal bravissimo chef friuliano.
  4. La Mattera antiQua Osteria. Prima nota: non prende il telefono. Seconda: traduzione pura, in pratica la cucina della nonna, in tutti i sensi. Ottimi i vini, a partire da quelli della casa, e i piatti sono speciali, a partire dal piccione ripieno, se vi piace la selvaggina naturalmente.
  5. La Locanda di Zucca. Situato proprio davanti all’ingresso del Festival, e anche qui non si scherza. Non lasciatevi ingannare dal nome: tra queste mura solo cucina tipica folignate, con carni saporite e un’ottima selezione di vini umbri.

Fonte articolo

Article Categories:
Sentireascoltare
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy