Circosta Auto
Lug 2, 2018
159 Views
0 0

Torino, non ci sono braccialetti elettronici: Nicolò resta in carcere. La madre in sciopero della fame: “Caso sempre più comune”

Written by

“Dall’11 giugno mio figlio dovrebbe essere a casa agli arresti domiciliari, ma si trova ancora in carcere perché mancano i braccialetti elettronici”. Luisella Piazza è la madre di Nicolò Mirandola, un giovane falegname arrestato per “concorso morale” per il corteo contro il comizio di Casapound del 22 febbraio a Torino. Ha iniziato oggi uno sciopero della fame di fronte al carcere delle Vallette dove suo figlio è detenuto dal 29 di marzo. Tre settimane fa il Gip Stefano Vitelli aveva concesso i domiciliari con il vincolo del braccialetto elettronico, ma come spiega il suo avvocato Roberto Lamacchia: “Ci è stato comunicato che gli apparecchi non erano disponibili”. Un caso sempre più comune nelle carceri italiane come denuncia la madre del giovane: “Con questo sciopero voglio portare alla luce un problema che è di tante persone, oggi può accadere a me, ma domani potrebbe accadere anche a qualcun altro”.
L'articolo Torino, non ci sono braccialetti elettronici: Nicolò resta in carce..

a giugno vieni a scoprire la nuva carbon edition

“Dall’11 giugno mio figlio dovrebbe essere a casa agli arresti domiciliari, ma si trova ancora in carcere perché mancano i braccialetti elettronici”. Luisella Piazza è la madre di Nicolò Mirandola, un giovane falegname arrestato per “concorso morale” per il corteo contro il comizio di Casapound del 22 febbraio a Torino. Ha iniziato oggi uno sciopero della fame di fronte al carcere delle Vallette dove suo figlio è detenuto dal 29 di marzo. Tre settimane fa il Gip Stefano Vitelli aveva concesso i domiciliari con il vincolo del braccialetto elettronico, ma come spiega il suo avvocato Roberto Lamacchia: “Ci è stato comunicato che gli apparecchi non erano disponibili”. Un caso sempre più comune nelle carceri italiane come denuncia la madre del giovane: “Con questo sciopero voglio portare alla luce un problema che è di tante persone, oggi può accadere a me, ma domani potrebbe accadere anche a qualcun altro”.

L'articolo Torino, non ci sono braccialetti elettronici: Nicolò resta in carcere. La madre in sciopero della fame: “Caso sempre più comune” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM
offerte.cpsPromo.sales.giulietta
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: