Circosta Auto
Lug 31, 2018
175 Views
0 0

Torino, docente insultò un alunno cinese: rischia processo per odio razziale. Per la prima volta applicata la direttiva Spataro

Written by

Aveva insultato un alunno cinese di 12 anni chiamandolo ‘cinese di m…’, ora un professore di educazione tecnica di una scuola media di Torino rischia il processo per istigazione all’odio razziale. La pm Mario Bendoni ha chiuso le indagini a carico del docente e nelle prossime ore verranno notificati gli atti formali.
Il presunto episodio di razzismo era stato subito segnalato dall’istituto all’Ufficio scolastico regionale e i genitori di tutti gli alunni della classe avevano chiesto che il docente venisse sospeso dall’incarico.
Per questo caso verrà applicata per la prima volta la direttiva del procuratore capo di Torino Armando Spataro, presentata a inizio luglio. Le linee guida sono state scritte per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragione di odio razziale e discriminazione etnico-religiosa.
La direttiva prevede che i magistrati possano trattare come prioritari tutti i procedimenti che riguardano reati di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale e reli..

Ypsilon Black

Aveva insultato un alunno cinese di 12 anni chiamandolo ‘cinese di m…’, ora un professore di educazione tecnica di una scuola media di Torino rischia il processo per istigazione all’odio razziale. La pm Mario Bendoni ha chiuso le indagini a carico del docente e nelle prossime ore verranno notificati gli atti formali.

Il presunto episodio di razzismo era stato subito segnalato dall’istituto all’Ufficio scolastico regionale e i genitori di tutti gli alunni della classe avevano chiesto che il docente venisse sospeso dall’incarico.

Per questo caso verrà applicata per la prima volta la direttiva del procuratore capo di Torino Armando Spataro, presentata a inizio luglio. Le linee guida sono state scritte per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragione di odio razziale e discriminazione etnico-religiosa.

La direttiva prevede che i magistrati possano trattare come prioritari tutti i procedimenti che riguardano reati di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale e religioso, con indagini rapide volte all’individuazione dei responsabili.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy