Lug 2, 2018
192 Views
0 0

La Moog fa appello contro i dazi di Trump

Written by

Come si sa, l’amministrazione Trump ha imposto nuove tariffe sull’acciaio e altri prodotti importati. Non solo. Adesso il governo americano è pronto a imporre una sovrattassa del 25% anche sull’importazione di beni hi-tech provenienti dalla Cina. Il 6 luglio debutta la prima tranche di dazi, destinata a colpire prodotti per un valore complessivo di 34 miliardi di dollari. E nelle settimane successive il paniere si allargherà ad altri segmenti di merce, portando il valore totale di import interessato a 50 miliardi di dollari.
Vari produttori americani, tra cui Harley Davidson e General Motors, hanno già messo in guardia l’opinione pubblica sul fatto che le tariffe minacceranno i posti di lavoro americani. E adesso anche la Moog Music, società produttrice di sintetizzatori con sede nel North Carolina, ha rilasciato una dichiarazione simile ai suoi clienti, esortandoli a fare appello ai loro rappresentanti e chiedere che la tariffa venga riconsiderata prima che entri in vigore.
«Queste ..

Ypsilon Black

Come si sa, l’amministrazione Trump ha imposto nuove tariffe sull’acciaio e altri prodotti importati. Non solo. Adesso il governo americano è pronto a imporre una sovrattassa del 25% anche sull’importazione di beni hi-tech provenienti dalla Cina. Il 6 luglio debutta la prima tranche di dazi, destinata a colpire prodotti per un valore complessivo di 34 miliardi di dollari. E nelle settimane successive il paniere si allargherà ad altri segmenti di merce, portando il valore totale di import interessato a 50 miliardi di dollari.

Vari produttori americani, tra cui Harley Davidson e General Motors, hanno già messo in guardia l’opinione pubblica sul fatto che le tariffe minacceranno i posti di lavoro americani. E adesso anche la Moog Music, società produttrice di sintetizzatori con sede nel North Carolina, ha rilasciato una dichiarazione simile ai suoi clienti, esortandoli a fare appello ai loro rappresentanti e chiedere che la tariffa venga riconsiderata prima che entri in vigore.

«Queste tariffe aumenteranno immediatamente e drasticamente il costo della costruzione dei nostri strumenti e avranno il reale potenziale di costringerci a licenziare i lavoratori e potrebbero (nel peggiore dei casi) portarci a trasferire alcuni, se non tutti, i settori della nostra produzione oltreoceano», si legge nella lettera che la compagnia ha reso pubblica e inviato anche via mail ai suoi acquirenti. «Vi chiediamo di sostenerci chiedendo ai nostri funzionari eletti di riconoscere che queste tariffe sono seriamente dannose per le imprese americane come Moog».

Fonte articolo

Article Categories:
Sentireascoltare
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy