Lug 16, 2018
201 Views
0 0

Il procuratore di Torino al ministro Bonafede: “Si pronunci sul fascicolo per vilipendio ai magistrati contro Salvini”

Written by

Il procuratore capo di Torino, Armando Spataro, ha chiesto in via formale al ministro della Giustizia di pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, pendente dal 2016.
Il capo della procura piemontese aveva infatti aperto un fascicolo contro l’attuale capo del Viminale per vilipendio all’ordine giudiziario perché, il 14 febbraio 2016, durante un comizio a Collegno aveva definito “una schifezza” la magistratura.
E ora – dopo due anni e mezzo di attesa, e tre sollecitazioni ad Andrea Orlando rimaste senza risposta – Spataro chiede ad Alfonso Bonafede di pronunciarsi. Il via libera del ministro della Giustizia è indispensabile per stabilire quale deve essere la sorte del procedimento. Secondo l’articolo 290 del codice penale, Salvini rischia una multa che va dai 1.000 ai 5.000 euro.
La scorsa settimana proprio Spataro e Salvini erano stati protagonisti di un botta e risposta sulla questione migranti. Il capo della procura di Torino aveva spiegato c..

Ypsilon Black

Il procuratore capo di Torino, Armando Spataro, ha chiesto in via formale al ministro della Giustizia di pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, pendente dal 2016.

Il capo della procura piemontese aveva infatti aperto un fascicolo contro l’attuale capo del Viminale per vilipendio all’ordine giudiziario perché, il 14 febbraio 2016, durante un comizio a Collegno aveva definito “una schifezza” la magistratura.

E ora – dopo due anni e mezzo di attesa, e tre sollecitazioni ad Andrea Orlando rimaste senza risposta – Spataro chiede ad Alfonso Bonafede di pronunciarsi. Il via libera del ministro della Giustizia è indispensabile per stabilire quale deve essere la sorte del procedimento. Secondo l’articolo 290 del codice penale, Salvini rischia una multa che va dai 1.000 ai 5.000 euro.

La scorsa settimana proprio Spataro e Salvini erano stati protagonisti di un botta e risposta sulla questione migranti. Il capo della procura di Torino aveva spiegato che “nessuno può chiudere i porti” e il ministro dell’Interno aveva risposto: “Si candidi, chiuderli è un dovere”.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy