Circosta Auto
Lug 6, 2018
86 Views
0 0

Drake – Scorpion

Written by

SCORPION Drake © Young Money/Cash Money Records (Digital Media)
Voto Rockol: 3.0 / 5 di Michele Boroni
Se siete soliti usare i servizi di streaming allora, anche se l'hip-hop non è il vostro genere preferito, avrete di certo notato che lo scorso venerdì è uscito il nuovo disco di Drake. Il faccione ben rasato in bianco e nero del rapper di Toronto campeggiava infatti nella gran parte delle pagine di Spotify e Apple Music, addirittura anche nell'immagine di playlist che non contenevano la sua musica.
Eh sì, l'invasore Drake è tornato e ha un sacco di cose da dire (pure troppe).
Come ormai tutti quanti abbiamo capito, nell'era della musica liquida più lungo è il disco e numerose le tracce contenute, maggiori sono le probabilità che il disco scali le classifiche. E siccome Aubrey Drake Graham ha dei record da difendere e superare, ecco “Scorpion”, due dischi, 25 brani e 90 minuti di musica così organizzata: primo disco, classico hip-hop à la Drake con un po' d..

SCORPION Drake © Young Money/Cash Money Records (Digital Media)
Voto Rockol: 3.0 / 5

di Michele Boroni

Se siete soliti usare i servizi di streaming allora, anche se l'hip-hop non è il vostro genere preferito, avrete di certo notato che lo scorso venerdì è uscito il nuovo disco di Drake. Il faccione ben rasato in bianco e nero del rapper di Toronto campeggiava infatti nella gran parte delle pagine di Spotify e Apple Music, addirittura anche nell'immagine di playlist che non contenevano la sua musica.
Eh sì, l'invasore Drake è tornato e ha un sacco di cose da dire (pure troppe).
Come ormai tutti quanti abbiamo capito, nell'era della musica liquida più lungo è il disco e numerose le tracce contenute, maggiori sono le probabilità che il disco scali le classifiche. E siccome Aubrey Drake Graham ha dei record da difendere e superare, ecco “Scorpion”, due dischi, 25 brani e 90 minuti di musica così organizzata: primo disco, classico hip-hop à la Drake con un po' di suoni nuovi (“Nonstop”) e sample ben riusciti (“Emotionless”, “8 out of 10”, “Sandra's Rose”), secondo disco più virato al r&b, contenente il singolo dove si campiona Lauryn Hill e la già annunciata featuring (piuttosto inutile) di Michael Jackson (“Don't matter to me”).
In un momento in cui l'hip-hop sta vivendo una nuova rinascita grazie a contaminazioni con altri generi e trovate al limite dell'avanguardia, questa divisione di generi sembra un deciso passo indietro. Dimentichiamoci quindi quella disordinata ma freschissima playlist di dancehall, afrobreat e grime che era quel “More Life” dello scorso anno e torniamo sulla scia del lungo e monocorde “Views” del 2016.

In questo quinto disco tornano i classici argomenti del Drake-pensiero: i problemi legati alla notorietà, il complesso di persecuzione, le mille critiche che gli arrivano dalla comunità hip-hop, le relazioni su Instragram e le troppe donne che lo assillano. Ma in questo disco si affaccia il nuovo tema della paternità, rivelando la presenza del figlio già annunciata da Pusha T. in un lungo dissing che dura da tempo. “I wasn't hidin' my kid from the world / I was hidin' the world from my kid” rappa in “Emotionless” sotto un perfetto sample di Mariah Carey: ma il tema della paternità compare qua e là non con fierezza, ma con la solita piangina tipica di Drake e che culmina nell'ultima traccia “March 14” (“I got an empty crib in my empty crib” si lamenta).

Questo "Scorpion" sarà sicuramente successo, anche solo per la spinta promozionale che ha accompagnato il lancio, tuttavia si presenta un po' come un'occasione persa. Il talento di Drake nello scrivere, rappare e trovare i giusti produttori è indubbio e questo disco contiene cose ottime: oltre ai singoli che hanno anticipato il disco, i duetti con Jay Z e con prezzemolino Ty Dolla $ign sono tra i migliori sulla piazza, in “Mob Ties” vengono fuori le sue doti di rapper di qualità, per non parlare di “Sandra's Rose” con la produzione di Dj Premier. Ma tutto questo è immerso in un lungo soliloquio piuttosto noioso e monocorde, specialmente se confrontato con le produzioni hip-hop innovativi e rischiosi degli ultimi tempi.

TRACKLIST

#1
01. Survival – (02:16)
02. Nonstop – (03:58)
03. Elevate – (03:04)
04. Emotionless – (05:02)
05. God's Plan – (03:18)
06. I'm Upset – (03:34)
07. 8 Out Of 10 – (03:15)
08. Mob Ties – (03:25)
09. Can’t Take A Joke – (02:43)
10. Sandra’s Rose – (03:36)
11. Talk Up – (03:15)
12. Is There More – (03:46)
#2
01. Peak – (03:26)
02. Summer Games – (04:07)
03. Jaded – (04:22)
04. Nice For What – (03:30)
05. Finesse – (03:02)
06. Ratchet Happy Birthday – (03:27)
07. That’s How You Feel – (02:37)
08. Blue Tint – (02:42)
09. In My Feelings – (03:37)
10. Don’t Matter To Me – (04:05)
11. After Dark – (04:49)
12. Final Fantasy – (03:39)
13. March 14 – (05:09)

Prossima recensione

GRAFFITTI
Belize

Tutte le recensioni

LA MUSICA NEL TEMPO – UNA STORIA DEI BEATLES
Ferdinando Fasce INNOCENCE + EXPERIENCE LIVE IN PARIS
U2 Mark Lanegan e Supersonic Blues Machine con Billy Gibbons (ZZ Top) al Pistoia Blues Festival: la recensione del concerto Fonte articolo

Article Categories:
RockolDischi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
×

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy