Lug 26, 2018
300 Views

Asl Roma, 0 per 4 fa 25: candidato vince concorso, per il commissario è tutto regolare, la 2a classificata fa ricorso

Written by

Nella pubblica amministrazione a volte non tornano i conti. In senso letterale. È quanto accaduto alla Asl Roma 5, dove nelle valutazioni di un concorso per direttore di Unità operativa complessa (Uoc), un candidato, alla voce “titoli di carriera”, ha ottenuto un punteggio complessivo pari a 25. E fin qui nulla di strano. Alle quattro singole voci che compongono la valutazione complessiva, però, il punteggio attribuito è sempre lo stesso: zero. “Questo perché dagli atti non risulta quale struttura semplice o complessa abbia diretto in passato il candidato, al contrario di altri concorrenti” sottolinea un funzionario di lungo corso della Asl che preferisce mantenere l’anonimato. Tradotto: per la Asl, la somma di quattro zeri equivale a 25. E così Alberto Perra (questo il nome del candidato) ha vinto il concorso in questione, diventando nel novembre 2016 direttore Uoc igiene e sanità pubblica della Asl Roma 5.
Nulla di strano o illegale secondo Giuseppe Quintavalle, commissario della As..

Nella pubblica amministrazione a volte non tornano i conti. In senso letterale. È quanto accaduto alla Asl Roma 5, dove nelle valutazioni di un concorso per direttore di Unità operativa complessa (Uoc), un candidato, alla voce “titoli di carriera”, ha ottenuto un punteggio complessivo pari a 25. E fin qui nulla di strano. Alle quattro singole voci che compongono la valutazione complessiva, però, il punteggio attribuito è sempre lo stesso: zero. “Questo perché dagli atti non risulta quale struttura semplice o complessa abbia diretto in passato il candidato, al contrario di altri concorrenti” sottolinea un funzionario di lungo corso della Asl che preferisce mantenere l’anonimato. Tradotto: per la Asl, la somma di quattro zeri equivale a 25. E così Alberto Perra (questo il nome del candidato) ha vinto il concorso in questione, diventando nel novembre 2016 direttore Uoc igiene e sanità pubblica della Asl Roma 5.

Nulla di strano o illegale secondo Giuseppe Quintavalle, commissario della Asl Roma 5 dallo scorso gennaio, ma anche direttore generale della Asl Roma 4: “La Commissione, sia nel caso del dirigente in questione sia degli altri candidati, non ha riportato il punteggio in modo analitico laddove questo fosse comunque superiore al massimo attribuibile di 25 punti”. Il Fatto Quotidiano, tuttavia, ha potuto visionare anche la scheda di valutazione della seconda classificata, anch’essa con un punteggio superiore ai 25 massimi stabiliti per la sezione “titoli di carriera”. La versione di Quintavalle è smentita: alle singole voci, infatti, viene specificato che la candidata ha maturato 4,40 punti come direttore Uoc, 19,32 come direttore Uos (Unità operativa semplice), zero per gli incarichi di alta specialità e 4 come dirigente: totale 27,72. Per lei la scheda di valutazione è così trasparente che viene specificata anche la sottrazione di 2,72 punti per arrivare alla quota massima di 25. Per Perra (che secondo le dichiarazioni del Commissario ha superato i 25 punti) non solo non è specificata neanche una eventuale sottrazione, ma ci sono solo quattro zeri alle singole voci ed un bel 25 alla voce “totale titoli di carriera”. Una differenza di trattamento che ha portato la seconda classificata a presentare a febbraio 2017 un ricorso al Tribunale amministrativo, trasferito poi per competenza al Tribunale del Lavoro e notificato ovviamente alla Asl Roma 5. Il ricorso verrà discusso il prossimo gennaio.

Pochi mesi dopo il concorso, l’azienda sanitaria lo ha promosso anche direttore del dipartimento di Prevenzione, in barba alla legge che richiede almeno 5 anni di anzianità di funzione, che Perra non ha avuto il tempo di maturare. Un incarico di prestigio e delicato perché il dipartimento è una struttura organizzativa che ha al proprio interno più unità operative complesse che Perra dovrebbe governare e coordinare: si tratta di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro, di igiene epidemiologia e sanità pubblica, di igiene e sicurezza alimentare e via discorrendo. Il commissario della Asl Roma 5 ha sottolineato che l’incarico è stato affidato a Perra successivamente alle dimissioni del direttore precedente, incarico quindi affidato esclusivamente sotto forma di “facente funzioni del direttore di dipartimento di Prevenzione. Attualmente – ha proseguito Quintavalle – si sta procedendo a mettere in atto le procedure per la individuazione dei relativi direttori titolari di dipartimento secondo la normativa di settore”. Una scelta singolare visto che “in azienda – ha spiegato il funzionario Asl – ci sono due direttori che avrebbero tutti i requisiti di legge per dirigere il dipartimento Prevenzione, uno lo ha anche già fatto in passato”. Il quadro è questo: Perra dirige questo dipartimento, ma se domani la Asl decidesse di indire un concorso per un nuovo direttore, non potrebbe neanche parteciparvi per mancanza di anzianità professionale nel settore in questione.

Perra, oltretutto, ha vinto il concorso non potendovi neanche partecipare. Leggendo le carte, infatti, si legge che il candidato è “colpevole di una serie di omissioni formali nella domanda di partecipazione al concorso che, di fatto, l’avrebbero dovuta rendere nulla”, prosegue il funzionario Asl. Tra le omissioni principali figurano “il documento quali quantitativo previsto nel bando – ha spiegato il funzionario – delle attività svolte negli ultimi 10 anni, firmato dal capo dipartimento della struttura che le presiede. Inoltre non risulta agli atti nessuna dichiarazione che attesti che il servizio che ha prestato all’estero sia stato riconosciuto dal ministero della Sanità o dalle singole regioni di riferimento. Tra l’altro il candidato non possedeva nemmeno il requisito minimo dell’anzianità di servizio di 10 anni, visto che Perra – ha concluso – non avendo la specializzazione nella disciplina di igiene, epidemiologia e sanità pubblica, per partecipare al concorso doveva avere questa competenza come condizione necessaria all’ammissione”.

Il commissario Quintavalle ha assicurato che il candidato possedeva tutti i requisiti richiesti per partecipare al concorso “come si evince dalle autocertificazioni e dal curriculum allegati alla domanda”. Nessuna spiegazione sui documenti mancanti citati e nessuna richiesta della documentazione originale per verificare la genuinità delle autocertificazioni del candidato. Verifica che sarebbe necessaria visto che nel bando, come in qualsiasi inerente un concorso pubblico, viene specificato che “la mancata sottoscrizione o la omessa indicazione anche di un solo requisito richiesto per l’ammissione determina l’esclusione dalla selezione”. Verifica doverosa anche per il ricorso della seconda classificata. Il Fatto Quotidiano ha chiesto chiarimenti anche allo stesso Perra che però ha preferito non rispondere.

Fonte articolo

Article Tags:
· · ·
Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy